Contattaci

Noi Brugherio

Nella maxi variante al Bilancio anche 500mila euro di multe, sconti Tari e via Cavour

via Cavour

città

Nella maxi variante al Bilancio anche 500mila euro di multe, sconti Tari e via Cavour

È una maxi variante da oltre 1 milione e mezzo di euro quella approvata venerdì 25 giugno dal consiglio comunale. Fa seguito a una serie di entrate impreviste a bilancio, quali trasferimenti da Regione, Stato e sanzioni stradali. Le ha illustrate l’assessore al Bilancio, Alberto Brambilla: ad ogni voce di entrata corrisponde un progetto di spesa che utilizza la totalità dei fondi. Il bando amianto regionale ha fatto ottenere al Comune 233mila euro: saranno investiti per rimuovere l’amianto che circonda, come isolante, le tubazioni della scuola Fortis. La notizia della presenza del pericoloso amianto in una scuola ha allarmato più di un consigliere, che ha chiesto spiegazioni. Tra questi Roberto Assi (lista Assi sindaco) che ha riferito di aver ricevuto rassicurazioni: le analisi ambientali hanno escluso al momento ogni rischio. Il costo della rimozione è di 285mila euro: i 50mila mancanti derivano da un contributo per l’efficientamento energetico ottenuto in ragione della sostituzione della caldaia della scuola Kennedy.

Dalla Regione arrivano anche 200mila euro destinate alla sicurezza stradale: sono destinati al completo rifacimento, fondo incluso, della pavimentazione di via Cavour, sempre con cubetti di porfido.

Le multe stradali hanno registrato 500mila euro di bollettini emessi nei primi mesi dell’anno. Il Governo impone che, di questa cifra, il 48% venga inserito nel “Fondo crediti di dubbia esigibilità”. In altre parole, è probabile che il 48% dei multati non paghi, o faccia ricorso. La cifra rimanente, invece, circa 260mila euro, verrà utilizzata per la sistemazione della segnaletica stradale e per la videosorveglianza.

Capitolo TARI, la tassa sui rifiuti: l’avanzo 2020 (ammonta a 204mila euro) e la cifra ricevuta con il Decreto sostegni bis (217mila euro) consentiranno al Comune di scontare la parte variabile della tariffa alle attività che sono state chiuse a causa del lockdown e dunque non hanno prodotto rifiuti. La riduzione per le attività commerciali, secondo i conti dell’assessore, è pari a 9 mesi di TARI.

Il Comune, con le associazioni coinvolte, ha ottenuto dalla Regione 175mila euro da destinare ai centri estivi, mentre l’ultima voce di entrata della variante sono 150mila euro di avanzo di bilancio del 2020 vincolato ad investimenti. Verrà utilizzato per la digitalizzazione del Municipio: i dettagli del progetto non sono noti, ma dovrebbero prevedere aggiornamenti hardware e software e l’attivazione di ulteriori servizi online per i cittadini.

Continua a leggere

Di più città

To Top