Contattaci

Noi Brugherio

Candy, per evitare gli esuberi si tenta l’accordo in Sala consiliare

Cronaca

Candy, per evitare gli esuberi si tenta l’accordo in Sala consiliare

Continuano le manovre politiche per i 340 esuberi dichiarati dalla direzione della Candy di Brugherio, a fine giugno. L’amministrazione comunale, come preannunciato dal sindaco Marco Troiano si sta muovendo per evitare che i licenziamenti diventino effettivi e ricomporre la frattura tra lavoratori e sindacati da una parte e azienda dall’altra.

Per adesso la cosa certa è che il 24 luglio (a NoiBrugherio già in stampa ndr), nella Sala consiliare del municipio di Brugherio, alle ore 17, è andata in scena la tavola rotonda, o per meglio dire “triangolare”, che ha visto coinvolti i vertici dell’amministrazione locale (guidati da Troiano) le Rappresentanze Sindacali Unitarie (RSU) e i sindacati provinciali.

Obiettivo: coinvolgere nella questione gli enti locali. Perciò, nella lista degli «invitati» all’incontro del 24 luglio, spiccano l’assessorato regionale alle attività produttive, la presidenza della provincia e la direzione generale dell’Agenzia Formazione e Orientamento al Lavoro (AFOL) della provincia di Monza e Brianza e i sindaci dei 25 comuni che hanno concittadini coinvolti nella crisi Candy. Secondo il sindaco Troiano l’incontro è una «nuova occasione per condividere un percorso di sensibilizzazione».

Ma il 24 luglio non è la prima volta che Troiano incontra i sindacati sulla questione.
Il 2 luglio scorso infatti RSU, istituzioni e la proprietà Candy si sono incontrati una prima volta «per comprendere la situazione – come afferma Troiano nel comunicato stampa, e continua – ci siamo attivati per aprire un canale di dialogo a Roma». Il problemadei 340 esuberi di Brugherio infatti è arrivato a Montecitorio. Il 7 e 8 luglio Walter Rizzetto (capogruppo di Alternativa Libera, ex M5S) e Paolo Grimoldi (Lega Nord) hanno condotto due interrogazioni parlamentari indipendenti su questi temi.
Troiano, dal canto suo, chiede esplicitamente che «sia il governo a farsi carico di questa situazione». La crisi del “bianco” continua a colpire i lavoratori. Un mercato sempre più difficile che ha lasciato soluzioni anti–crisi di fortuna (i 500 lavoratori di Candy sono tutti a contratto di solidarietà) e sempre più stabilimenti vuoti, ex voto alla “delocalizzazione”.

Continua a leggere

Di più Cronaca

To Top