Contattaci

Noi Brugherio

25 marzo, il Papa a Milano. Francesco in carcere da don Marco Recalcati

Comunità Pastorale

25 marzo, il Papa a Milano. Francesco in carcere da don Marco Recalcati

don marco recalcatiC’è tanto del papato di Francesco, nella scelta di visitare la Casa circondariale di San Vittore. Il Pontefice visiterà tutti i raggi, fermandosi a pranzo con i detenuti. Sarà accompagnato nel suo percorso da don Marco Recalcati, sacerdote brugherese, dal 2013 cappellano del carcere.

Un biglietto per Francesco
L’attesa è alta, spiega il sacerdote in una videointervista su papamilano2017.it: «Chiederemo nell’ultima domenica e poi per tutta l’ultima settimana che ogni detenuto possa scrivere un biglietto su un prestampato molto semplice dove ogni detenuto possa mettere il suo nome e il nome delle persone care con l’idea che tutti questi biglietti possano essere raccolti in una cesta e consegnati al Papa».
Parlando, invece, delle scelte organizzative in preparazione all’arrivo del Pontefice, don Marco ha dichiarato: «La scelta che abbiamo fatto per preparaci all’arrivo del Papa è stata quella di conoscere gli interventi che altri Papi, e Francesco, hanno fatto nel corso delgi anni nei vari carceri e sono uscite delle parole straodinarie».

Un cammino interiore
Il Santo Padre sarà a San Vittore tra le 11,30 e le 12. Don Marco ha sottolineato che «sicuramente la visita di Papa Francesco lascerà tanto entusiasmo e tanta gioia, e nel contempo permetta alle persone un piccolo cammino interiore. Questa visita è caricata di emozione ma comunque porterà le sue parole, i suoi gesti».

La Chiesa in carcere
La Chiesa è presente a San Vittore con 2 sacerdoti, 1 diacono, 10 suore, 4 seminaristi. Ogni domenica vengono celebrate 4 Messe nei 7 reparti, ogni settimana per ogni reparto ci sono una o due proposte: dalla Messa al rosario alla catechesi alla lectio. I detenuti si stanno preparando alla visita di Francesco ascoltando le parole delle visite storiche dei Pontefici nelle carceri italiane. La pastorale dei cappellani si rivolge anche agli 800 poliziotti: sono frequenti battesimi, cresime, corsi di preparazione al matrimonio.

893 detenuti in attesa
I detenuti presenti a San Vittore al 31 gennaio 2017 sono 893; i posti regolamentari sarebbero 703, di cui 285 non disponibili. Nel 2012 erano detenute 1.700 persone; la riduzione segue la sentenza della Corte europea che impone un minimo di 3 metri quadri a detenuto. San Vittore è un carcere giudiziario, non penale. I reclusi sono tutti in fase di giudizio, non stanno scontando una pena.
È una struttura complessa, dato che ha reparti eterogenei: quello femminile; quello clinico per chi ha patologie, ad esempio la dialisi, non così gravi da consentire la scarcerazione; quello per giovani adulti, dai 18 ai 25 anni, il più vivace nel bene e nel male; quello di chi ha dipendenze certificate da droghe o alcol; quello dei protetti, cioè forze dell’ordine, transessuali, o chi ha commesso reati verso donne, bambini, anziani; due reparti sono per i detenuti comuni, che vanno dagli accusati di omicidio a truffe.

Continua a leggere

Di più Comunità Pastorale

To Top