Incidente in via Dei Mille, donna in ospedale, al volante dell’auto un uomo di 96 anni

Una donna di 41 anni è stata investita da un’auto giovedì in via dei Mille intorno alle 11 del mattino nei pressi della rotonda di collegamento con via Aldo Moro. Al momento, risulta che la donna si trova in prognosi riservata e il suo nome non è stato reso noto. Secondo quanto riferisce la Polizia locale, è stata trasportata con l’elicottero all’ospedale Niguarda di Milano.

Il comandante Pierangelo Villa spiega di essere «in costante contatto con i medici che si stanno prendendo cura della donna. Al conducente del veicolo, un anziano di 96 anni, a nostro giudizio non è imputabile l’eccesso di velocità, secondo i primi rilevamenti».

Sembra invece, aggiunge, «ci sia stato un momento di distrazione e incapacità di reazione da parte del conducente: la signora ha attraversato e l’automobilista era preceduto da un altro veicolo. Forse le condizioni climatiche, con il sole basso, hanno disturbato il conducente e i riflessi dello stesso, non proprio ottimi vista l’età». Era titolare di una patente regolare e recentemente rinnovata.

L’incidente ha suscitato l’immediata reazione di due lettori, che hanno scritto lamentando la pericolosità di quel tratto di strada. Secondo Luciano, alla rotonda, «i veicoli che vanno in direzione Carugate quasi mai rispettano il dare precedenza soprattutto verso i pedoni che si apprestano ad attraversare sulle strisce pedonali». Questa zona, aggiunge, «con l’arrivo della bella stagione sarà molto frequentata da persone, famiglie con bambini che avranno come meta il Parco Increa, per cui chiedo di intervenire in modo serio e urgente per risolvere questo disagio pericoloso».

Gianni denuncia che «per coloro che entrano o escono dai vari condomini è un’odissea tutti i giorni, in quanto si vedono arrivare all’ultimo secondo auto a velocità piuttosto elevata o ciclomotori che sorpassano nonostante la riga continua». La proposta è di «creare dei dossi artificiali al fine di rallentare la velocità prima che accada l’irreparabile. Confido nella nostra amministrazione, la quale da sempre è attenta alla circolazione stradale, che possa risolvere il problema».