Contattaci

Noi Brugherio

Centro antiviolenze, 13 donne seguite «Fenomeno in aumento»

Comune

Centro antiviolenze, 13 donne seguite «Fenomeno in aumento»

violenza-donneCompie due anni a novembre lo sportello antiviolenza che si trova presso la palazzina del Volontariato di via Oberdan 83.
«Stiamo seguendo 13 donne, prevalentemente cittadine brugheresi – spiega la dottoressa Luisa Nava, referente e operatrice di rete del centro antiviolenza -. Oggi registriamo un aumento del fenomeno e le problematiche che ci vengono presentate riguardano sì le violenze fisiche subite dalle donne in famiglia però stanno sempre più emergendo episodi di violenza psicologica».

Senza paura di essere giudicate o costrette
Secondo la dottoressa, c’è una maggiore consapevolezza nelle donne nel riferire episodi ripetuti di violenza psicologica. Secondo quanto segnalato dallo spazio, le donne in questi ultimi anni hanno più coraggio nell’avvicinarsi allo sportello rispetto a qualche anno fa. Ma in molti casi la paura e il timore rimangono. «Quello che noi riscontriamo come punto positivo è il funzionamento della rete – continua la dottoressa Nava -, dalle Forze dell’ordine ai Servizi sociali. Stiamo collaborando bene e questo fa sentire la donna sostenuta da tutti». Al centro antiviolenza, afferma la dottoressa, «la donna non si sente giudicata, ma sente di essere supportata nel percorso che sta faticosamente intraprendendo. Con la certezza che, quando si rivolgono ai nostri centri, tutto viene trattato con la massima riservatezza. Non facciamo nulla che non sia condiviso dalla donna che si mette nelle nostre mani». «Fidatevi dei nostri centri – conclude Nava -. Non occorre sentirsi vittime, ma è necessario uscire da questo stato per poi superare l’ostacolo con il nostro aiuto valido, professionale, riservato e gratuito».

Contatti, orari, indirizzi
Il Centro antiviolenza di Brugherio è in via Oberdan, 83. È aperto il martedì dalle 9,30 alle 13 su appuntamento; venerdì dalle 14,30 alle 18. Telefono 333.2829059 (emailcentroantiviolenza@ambitodimonza.it). Quello di Monza è in via Mentana, 43, aperto martedì e mercoledì dalle 9 alle 12,30 e dalle 15 alle 18,30; giovedì dalle 9 alle 12,30; dalle 14,30 alle 18,30 e dalle 20,30 alle 23,30. Telefono 039.2840006, indirizzo email info@cadom.it.

Miriam Perego, assessore ai Servizi Sociali

Miriam Perego, assessore ai Servizi Sociali

L’assessore Perego: «Ricatti emotivi e mancanze di rispetto»
«Dal nostro insediamento, abbiamo posto al centro i temi del contrasto e della prevenzione della violenza maschile sulle donne, nell’ambito delle più ampie politiche di pari opportunità. Questo lavoro, che si è svolto sul doppio binario, sia culturale sia con l’apertura di un centro antiviolenza sul territorio, ha portato all’emersione di tante nuove situazioni di violenza sulle donne, cui far fronte. A queste e a tutte le donne voglio dire che la violenza non è amore, e che chi ti vuole bene non ti picchia né ti tiene emotivamente “sotto ricatto”. Nella vita quotidiana, infatti, ognuna di noi non deve ritenere abituale e consuetudinario il fatto di sottostare a meccanismi di mancanza di rispetto e di violenza da parte degli uomini; le donne devono quindi trovare il coraggio di uscire da questa condizione malata e riappropriarsi così della propria identità e della propria vita». 

Al pronto soccorso l’aiuto è un percorso rosa
Per le donne vittime di violenze è attivo il cosiddetto “percorso rosa” nei pronto soccorso degli ospedali. Durante il percorso viene data una particolare attenzione agli aspetti di cura, accoglienza, analisi del rischio, refertazione e alle informazioni che permettono alle donne di essere prese in carico dalla Rete (Servizi sociali, Forze dell’ordine, Centri antiviolenza, strutture di accoglienza). Quest’anno dall’ospedale San Gerardo di Monza, secondo quanto riferisce la dottoressa Nava, «sono giunte una ventina di segnalazioni di maltrattamenti. Alle donne che si rivolgono al pronto soccorso è garantita la massima riservatezza e protezione e sono informate della possibilità di essere ricontattate dal centro antiviolenza».

Continua a leggere

Di più Comune

To Top