Contattaci

Noi Brugherio

Aneddoti e ricordi, Berlusconi show alla festa Edilnord

Cronaca

Aneddoti e ricordi, Berlusconi show alla festa Edilnord

Un’improvvisata, sicuramente ben accolta dai tanti residenti dell’Edilnord in festa per i cinquant’anni. Silvio Berlusconi non ha voluto mancare domenica pomeriggio e intorno alle 17,30 si è presentato nel centro residenziale da lui costruito negli anni ‘60.

Accoglienza calorosa
«Sono emozionato per l’accoglienza calorosa e commovente – ha detto Berlusconi sul palco allestito nel parco sulla via principale –. Tornando qui e guardando quel periodo della mia giovinezza sento un caldo al cuore. Lavoravo 10-11 ore al giorno, facevo il progettista e vendevo gli appartamenti».
Berlusconi si è trattenuto per circa un’ora, e dopo aver percorso il viale sommerso dalla folla in cerca di foto e abbracci, ha raccontato aneddotti e curiosità sul periodo degli inizi della sua carriera da imprenditore. «Non si vendeva niente, ero l’unico pazzo che aveva il coraggio di costruire a Milano e dintorni» ha raccontato, proseguendo poi elencando alcune delle difficoltà incontrate: «il processo per una casa più lunga di 20 centimetri, un pullman di signori che si fermò fare pipì sulle colonne dei portici mentre cercavo di convincere le signore dell’alta società milanese a comprare» e tanti altri aneddoti come l’invito a presenziare «a tutti i miei parenti per far vedere che c’era interesse e che il quartiere era animato» (il video completo dell’intervento lo trovate sul canale YouTube di NoiBrugherio).

La promessa
Il lungo discorso si è chiuso poi con una promessa: «Ho saputo che avete chiuso lo Sporting Club, che sorgeva dove in precedenza c’era una cascina che ho abbattuto io stesso, per velocizzare i lavori. Da domani mi interesserò del nostro Sporting, e se non ci sono proibizioni amministrative da parte del Comune vi prometto che lo riapriremo» ha concluso tra gli applausi dei residenti.
Su invito di Gaetano Garramone, anima della festa, Berlusconi ha poi regalato un mazzo di fiori ai coniugi Sordi, il marito storico medico del quartiere, che lunedì hanno festeggiato i cinquant’anni di matrimonio.

Il colloquio col sindaco
Al margine dell’intervento sul palco, Berlusconi si è intrattenuto con il sindaco Marco Troiano per un breve colloquio: «Ha confermato l’interesse per la questione Sporting, e si è detto disponibile a dare una mano – spiega Troiano –. Ha chiesto perché è stato chiuso e se c’è qualche progetto concreto. Gli abbiamo spiegato che negli ultimi anni il quartiere è cambiato molto, ma resteremo in contatto».

I commenti di Garramone e Troiano

Continua a leggere

Di più Cronaca

To Top