Contattaci

Noi Brugherio

L’intervista al sindaco Troiano a 4 mesi dall’elezione: «Aggregazione e Pgt partecipato»

Comune

L’intervista al sindaco Troiano a 4 mesi dall’elezione: «Aggregazione e Pgt partecipato»

Il sindaco Marco Troiano. Foto Ribo

Sulla parete dietro alla scrivania sono appesi 3 quadri in più. Sono un volto di donna, un ritratto a carboncino di don Lorenzo Milani e un albero realizzato con le coloratissime impronte delle mani dei ragazzi delle elementari.

Le aggiunte che Marco Troiano ha scelto di dare all’ufficio che occupa da 4 mesi. Dall’11 giugno scorso, quando ha posto la firma sull’atto che lo decretava sindaco di Brugherio.

“Quattro mesi intensi”, esordisce. “Sapevo già da subito che ci sarebbe stato tanto da lavorare e così è stato. Anche perché le attese della città dopo le elezioni erano alte e tali sono rimaste. Ma sono contento”.

I cittadini la fermano ancora per strada, come raccontava all’indomani dell’elezione? Cosa le chiedono?
Io non ho cambiato abitudini, mi muovo per quanto possibile a piedi. E cerco di partecipare al maggior numero di iniziative, per cui incontro molte persone. Mi riportano tanti commenti e diverse domande, sia per piccole questioni personali che per fatti più generali, quali semafori e rotonde. Io cerco di rispondere a tutti, è un impegno.

Il rapporto diretto con i cittadini è una cifra del suo mandato, che si esplicita anche nell’uso dei social network…
Esatto, cerco sempre di motivare e raccontare le scelte della giunta. Credo che le persone vadano trattate così, senza nascondere niente. Come è accaduto quando ho incontrato i cittadini dell’Edilnord: ho spiegato le ragioni degli interventi all’ex Sporting e sono state comprese. Anche se, ovviamente, non accettate da tutti. È normale che ci siano opinioni discordanti, ma anche che il dialogo sia sincero. Un po’ come sta accadendo anche con il Centro sportivo.

Già, la piscina. Qualcuno si aspettava una riapertura più tempestiva che non il prossimo settembre.
Nel programma elettorale non abbiamo promesso date, ma scritto che avremmo riaperto “nel minor tempo possibile”. A domanda esplicita, in campagna elettorale, abbiamo risposto che ci avremmo provato per la primavera, ma è davvero impossibile allo stato dei fatti. Abbiamo invece promesso a breve un cronoprogramma ed è ciò che stiamo presentando. Il bando sarà steso a breve e, dati i tempi tecnici per cui deve restare esposto e i tempi per la scelta dell’appaltatore, potremo iniziare i lavori a giugno. Pensiamo possano durare tre mesi (coinvolgendo anche i campi da gioco) e dunque terminare per settembre.

Come si potrà evitare che il futuro appaltatore crei gli stessi problemi avvenuti in passato?
Proprio questo è il problema. Non possiamo permetterci un terzo fallimento. Ecco perché vogliamo che tutto sia ben scritto ed esplicito nel bando, è pericoloso affrettare i tempi di stesura del documento. Poi, sarà mia cura illustrarlo ai cittadini nel dettaglio.

Il centro sportivo sarà uno dei grossi temi del prossimo anno. Insieme al Pgt, immaginiamo?
Credo proprio di sì. Per ora, a livello urbanistico, stiamo capendo bene qual è lo stato dei fatti e intervenendo sulle norme tecniche di attuazione del Piano di governo del territorio. Poi vogliamo darci degli obiettivi più ampi, partendo da una domanda: cosa vogliamo che sia Brugherio? Da questa risposta deriva lo sviluppo o meno, e in che modo, di determinate aree.

Quando inizierete a mettere mano al Pgt?
Probabilmente dall’inizio del prossimo anno (di pari passo con il piano del traffico) e vorremmo fosse un progetto partecipato davvero da tutta la città. Che culmini con i festeggiamenti del 150° anniversario della fondazione del Comune di Brugherio, nel 2016. Nei nostri progetti sarà una data di rilancio, non solo un festeggiamento.

Il Pgt sarà uno dei temi su cui testare anche la collaborazione tra maggioranza e opposizione, che ad oggi sembra tenere.
Sì, oggi il clima è positivo, nei fatti abbiamo dimostrato la nostra apertura dando alla minoranza cariche importanti, come la presidenza della commissione Bilancio a Massimiliano Balconi. Un ragazzo che partecipava per la prima volta al Consiglio comunale mi ha confessato il suo stupore per il clima di dialogo. Forse siamo abituati ai talk show politici, dove la cifra stilistica è il litigio, ma la politica può essere anche altro e lo stiamo dimostrando. E mi fa piacere che la partecipazione di pubblico ai Consigli sia ancora alta.

Anche se qualcuno, pensiamo a Lega Nord e Lista Ronchi, sembra più agguerrito…
Potrebbero configurarsi una minoranza più dialogante e una più di opposizione, è vero. Ma sappiamo tutti che siamo lì per Brugherio e non è nel mio stile rivangare nel passato per alimentare contrapposizioni e dire “voi non avete fatto, noi abbiamo fatto”. Il voto dei cittadini è stato netto e io da lì riparto.

Una delle deleghe che ha voluto conservare è quella alla sicurezza. Cosa è stato fatto e cosa si farà in questo senso?
Abbiamo attivato le telecamere ai varchi mancanti e daremo l’accesso al sistema anche ai Carabinieri, entro fine anno. Abbiamo attivato le pattuglie notturne dei Vigili e stiamo operando la manutenzione dell’arredo urbano. Perché secondo la mia concezione di sicurezza è importante anche che la città sia curata: le panchine in ordine, l’illuminazione sufficiente.

La piccola manutenzione è un punto dolente, in alcune zone.
Cercheremo di porre rimedio anche con l’arrivo di lavoratori socialmente utili: dovrebbero entrare in azione a breve e occuparsi di piccoli lavoretti in città. Si tratta di persone che scontano una pena per reati legati al codice della strada. Vorremmo che ogni via della città avesse la cura che merita, ma chiedo pazienza: non si può aggiustare tutto subito.

Anche nelle periferie?
L’amministrazione tiene a tutta la città. Lo stiamo dimostrando recandoci noi in prima persona a incontrare i cittadini. In piazza Togliatti, all’Edilnord, a San Damiano per esempio. Vedo che in queste aree sta crescendo il senso di partecipazione. Confidiamo che con ulteriori incontri potrà aumentare ancora, finché davvero sarà possibile indire l’elezione dei presidenti di consulta, in modo che l’affluenza al voto sia significativa al contrario delle basse percentuali registrate negli scorsi anni.

Quali sono gli atti di cui è più orgoglioso?
Quattro mesi sono ancora pochi per una valutazione, ma in generale direi le occasioni in cui si è favorita l’aggregazione. La festa della birra, la festa del teatro di strada, la festa dei nonni nelle case di riposo, per citarne alcune. Quest’ultima in particolare è stata commovente. E per tutte devo ringraziare i miei assessori. Chiedetelo agli organizzatori: senza il loro impegno le manifestazioni non sarebbero state possibili. E grazie anche all’impegno dei dipendenti comunali, ai quali ho chiesto da subito collaborazione e soluzioni, piuttosto che semplici “no”, quando alcune richieste non possono essere accolte. Un atteggiamento di motivazione che è stato recepito e per cui ringrazio tutti. Possiamo avere centomila meravigliose idee, ma una giunta non combina nulla senza il supporto dei dipendenti comunali.

Una giunta compatta, quindi? Anche con Sinistra ecologia libertà, che qualcuno teme possa dettare gli equilibri dell’amministrazione?
Molto unita, credo si veda. Lavoriamo di comune accordo e in piena sintonia. Non c’è stato finora nessun motivo di scontro.

C’è qualcosa al contrario di cui si rammarica?
In tanti chiedono una casa e un lavoro, anche a Brugherio la crisi è evidente. E ad oggi non abbiamo grandi soluzioni da fornire. Sarebbe facile obiettare che un Comune non può quasi nulla, in questo senso. Ma non mi basta. Stiamo cercando di studiare delle risposte che vadano un po’ oltre, ma è ancora prematuro parlarne.

Oggi è la festa di Brugherio. Cosa chiede il sindaco ai cittadini come regalo alla città?
Di continuare a scommettere sulle potenzialità della città, come sta facendo tutta l’amministrazione. Già diverse occasioni hanno dimostrato che è possibile favorire relazioni più intense e più umane tra i cittadini. Siamo solo all’inizio, continuate a crederci e a sentirvi protagonisti.

Continua a leggere

Di più Comune

To Top