Contattaci

Noi Brugherio

Apocalisse, fra Bibbia e classici

Cultura

Apocalisse, fra Bibbia e classici

Primo appuntamento del 2013 all’insegna della spiritualità per “Fuori Pista”, la rassegna dedicata al monologo teatrale. Martedì 15 gennaio Lucilla Giagnoni porterà sul palco del San Giuseppe il suo “Apocalisse”, spettacolo ispirato all’ultimo libro della Bibbia. Il testo si sviluppa attorno al concetto di rivelazione, significato originale del termine greco “Apokálypsis”.
«In un mondo di ciechi che credono di vedere e, dunque, di sapere, – si legge nella presentazione dello spettacolo – il mistero si rivela solo a chi sappia guardare, a chi abbia occhi nuovi».
Lucilla Giagnoni parte dall’idea di cecità e rivelazione e le ricollega a uno dei personaggi totemici del teatro occidentale: Edipo.
Dall’unione fra la Bibbia e un classico della tradizione greca nasce un’intensa indagine sull’uomo e sulla fine del tempo, che altro non è se non un nuovo inizio, un passaggio verso una nuova realtà e una nuova vita. L’Apocalisse, in questo senso, costituisce non un traguardo ma un punto di partenza, non la morte ma la rinascita.
La vita viene presentata come evoluzione della coscienza: a partire dall’infanzia, quando ogni nuova esperienza riempie di meraviglia in quanto sconosciuta ed incredibile, fino ad arrivare all’età adulta, quando tutto comincia ad avere un senso.
“Apocalisse” è il capitolo conclusivo della “Trilogia della spiritualità”. Gli altri due monologhi verranno presentati dall’attrice a Monza nell’ambito dell’Anno della Fede: “Vergine Madre” andrà in scena il 2 marzo presso la Chiesa del Sacro Cuore in viale Vittorio Veneto28, mentre il 6 aprile sarà la volta di “Big Bang” al teatro San Carlo di via Volturno 38. Entrambi gli appuntamenti sono a ingresso libero.
“Apocalisse”, martedì 15 gennaio, teatro San Giuseppe. Ingresso 16 euro, per over 65 e under 18 riduzione 12 euro. Inizio ore 21.

Continua a leggere

Di più Cultura

To Top